• Progettiamo il tuo futuro

09:00 19:00

Da lunedì a venerdì

v.le I° maggio, 170

97018 SCICLI RG

0932 832717

info@noidueimmobiliare.com

Confronta

10 CONSIGLI PER RISPARMIARE SULLA BOLLETTA DEL RISCALDAMENTO

Dal 15 ottobre è consentito accendere i riscaldamenti in alcune zone d’Italia, in cui rientrano, ad esempio, città come Torino, Milano, Venezia e Bologna. ENEA, l’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico ha messo a punto un vademecum utile a scaldare la casa evitando spese extra nella bolletta e danni all’ambiente.

 

10 semplici regole da tenere a mente

  1. Attenzione alla manutenzione, importante per ragioni di sicurezza e di salute: un impianto sano consuma e inquina meno. Tra l’altro, chi non effettua manutenzione può andare incontro a sanzioni non inferiori a 500 euro.
  2. Tenete la temperatura sotto controllo 19° sono più che sufficienti, anche se la normativa consente di arrivare fino a 22 gradi. Ogni grado in meno, oltre che all’ambiente, fa anche bene al portafogli perché si traduce in un risparmio compreso tra il 5 e il 10% sui consumi di combustibile.
  3. Un occhio alle ore di accensione, che variano a seconda delle zone d’Italia.
  4. cronotermostati moderni aiutano a risparmiare perché mantengono l’impianto attivo solo quando si è in casa.
  5. Le valvole termostatiche aiutano a limitare gli sprechi perché permettono di mantenere costante la temperatura e a concentrare il calore negli ambienti più frequentati.
  6. I pannelli riflettenti tra muro e termosifone è una soluzione efficace per contenere le dispersioni di calore.
  7. Ridurre le dispersioni di calore è semplicissimo: è sufficiente, ad esempio, chiudere le persiane o le tapparelle durante la notte o mettere tende pesanti alle finestre.
  8. Non dimenticatevi dell’isolamento termico. Se casa vostra è stata costruita prima del 2008 probabilmente non rispetta le ultime norme in termini di energia. Intervenendo su questo aspetto si può usufruire di una detrazione fiscale del 65% e ridurre i consumi fino al 20%.
  9. Valutate la sostituzione dell’impianto: se ha più di 15 anni potrebbe essere conveniente cambiarlo. Per le più recenti caldaie a biomasse, pompe di calore, impianti integrati alimentati con acqua preriscaldata da un impianto solare o fotovoltaico si può usufruire dell’ecobonus stanziato per la riqualificazione energetica e del patrimonio edilizio.
  10. Ricordatevi di non mettere nulla sopra o davanti ai termosifoni: tende o mobili, ma anche stendini per asciugare la biancheria. Un altro semplice accorgimento è di non lasciare le finestre aperte troppo a lungo, per cambiare aria bastano pochi minuti.

 

Fonte: immobiliare.it

Correlati

Casa singola – Scicli

Via San Vito, Scicli (RG) - Abitazione autonoma recentemente ristrutturata su due livelli di...

Continua a leggere

Manovra: Fiaip chiede al Vice Ministro Casero l’estensione della cedolare secca al 10 % per tutte le tipologie d’affitto

Gian Battista Baccarini (Fiaip): “Rilanciare il mercato immobiliare per far crescere l’intera...

Continua a leggere

Def, Fiaip: Diminuire subito la pressione fiscale e ridurre gli sprechi della Pubblica Amministrazione

Righi (Fiaip): "Anche la Corte dei Conti lancia l'allarme sull'eccessiva pressione fiscale sulla...

Continua a leggere